CREA UNA PAGINA RICORDO
21Nov2023
Supporto emotivo

Come spiegare la morte ai bambini

Il momento del lutto è una fase molto delicata nella vita di ogni individuo. Per di più, si tratta di un argomento sensibile da trattare e che rende davvero difficile e importante la scelta delle parole con cui comunicare una notizia come questa.

Una domanda che attanaglia i genitori e chiunque si trovi a parlare con un minore è: come si può spiegare la morte ai bambini?

Abbiamo raccolto qualche consiglio che speriamo possa esserti d’aiuto.

 

Consigli per spiegare la morte ai Bambini

La prima cosa da tener presente è che i bambini hanno una sensibilità sorprendente, che fa parte della loro inestimabile bellezza e pertanto deve essere custodita e trattata con cura.

Un elemento da considerare quando si comunica questa notizia è il luogo in cui ci si trova. Sarebbe preferibile, infatti, scegliere un posto in cui il bambino si senta al sicuro, libero di esprimere le proprie emozioni e fare domande.

Anche i bambini, infatti, esattamente come gli adulti, attraversano delle vere e proprie fasi del lutto e reagiscono a modo loro e con i loro tempi alla notizia della perdita di una persona amata.

 

Cosa dire e cosa non dire

Le parole chiave per affrontare questo momento così difficile sono dunque “delicatezza” e “tatto”. Solo così potremo entrare in punta di piedi nella concezione curiosa e fantasiosa che i bambini hanno della morte.

Ecco alcune frasi che potresti dire per mantenere un approccio emotivo e sensibile:

·         A volte nella vita capita che le persone che amiamo vadano via. È normale sentirsi tristi o confusi quando accade e tu puoi farmi tutte le domande che vuoi.

·         Anche se questa persona non è più insieme a noi, ci ha lasciato tanti ricordi bellissimi e noi possiamo parlarne e riviverli insieme tutte le volte che desideri.

·         Le persone che abbiamo perso continueranno a vivere con noi finché noi le ricorderemo nei vari momenti della nostra vita.

 

Al contrario, sarebbe meglio evitare frasi quali:

·         Non piangere, devi essere forte perché lui/lei non vorrebbe vederti così.

·         Non lo/la rivedremo mai più.

·         Ci ha lasciati per sempre.

 

Già da piccoli può essere parlare ai bambini del ciclo della vita, abituandoli all’idea che tutto ha un inizio e una fine. Così facendo, con il passare degli anni la morte non sarà più considerata un taboo o qualcosa da cui difendersi, ma una fase della vita, esattamente come tutte le altre.

REGISTRATI